Cerca
  • Brescia 14 Gruppo Scout Agesci

Consiglio Generale AGESCI 2021

L’Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani si riunirà presso il Centro Giovanni XXIII di Frascati (Roma), dal 3 settembre al 5 settembre prossimi, per i lavori del 47° Consiglio generale, l’organo legislativo dell’AGESCI.

Parteciperanno 250 capo e capi scout in rappresentanza di tutte le regioni italiane.

Il Consiglio generale, appuntamento di grande rilievo per la vita dell’Associazione, permetterà di confrontarsi su tutto quello che riguarda il servizio degli educatori e della vita associativa. In particolare, durante la tre giorni andranno in approvazione le Strategie nazionali di Intervento, linee di indirizzo dell’Associazione per i prossimi anni e avrà luogo la scrittura collettiva di un documento centrato sull’educazione: “per un futuro educativo e sostenibile”.

L’AGESCI, infatti, concentrerà un ampio spazio di confronto e dibattito sul tema fondante per la sua missione che è appunto l’educazione, come Papa Francesco ha esortato a fare con il suo appello ad un Patto educativo globale, per superare quella che definisce una “catastrofe educativa”.

Focus di questo incontro saranno le tematiche e le esperienze che si intrecciano per un futuro educativo e sostenibile. Interverranno p. Fabrizio Valletti, Cecilia dall’Oglio e Chiara Giaccardi.

Sarà possibile seguire il Consiglio generale su Twitter, Facebook e Instagram con #CG2021.

L’AGESCI è nata nel 1974 dalla fusione delle Associazioni scout cattoliche ASCI (maschile) e AGI (femminile). Ad oggi conta 180.000 aderenti, di cui circa 30.000 sono capi educatori, ed è organizzata in quasi 2000 gruppi locali.

#CG2021, giorno 1

Futuro educativo, cura, crisi, missione: parole maestre che hanno aperto il 47° Consiglio generale dell’Agesci, il massimo organo deliberativo dell’Associazione che sta impegnando i nostri consiglieri dal 3 al 5 settembre a Frascati (RM). Alla cerimonia di apertura con la Capo Guida Daniela Ferrara, il Capo Scout Fabrizio Coccetti e l’Assistente Ecclesiastico generale p. Roberto del Riccio, gli Alfieri della Repubblica le scolte Alice Chiozza e Aruna Rossi. A seguire l’approvazione delle nuove Strategie nazionali di Intervento (S.N.I.), “le idee e gli ambiti di riferimento per l’azione dei soci adulti e per la politica associativa a tutti i livelli” (art. 40 Statuto): –Immergersi nel Creato;Curare relazioni autentiche;Crescere cittadini attivi. Commovente la consegna della benemerenza di Capo Guida e Capo Scout a Padre Fabrizio Valletti s.j., che da tanti anni opera nel quartiere napoletano di Scampia: “…Per aver praticato il servizio con l’obiettivo di restituire bellezza a chi non l’ha e a restituire dignità a chi ne è stato privato”. La sociologa Chiara Giaccardi, la direttrice dei programmi europei del movimento cattolico globale per il clima Cecilia Dall’Oglio con p. Fabrizio Valletti, sono intervenuti sul tema “per un futuro educativo e sostenibile”, incoraggiando l’Associazione nella sua missione, perché il cambiamento che sogniamo ha bisogno dell’educazione per essere realmente sostenibile. Chiudevano la prima giornata del lavori le elezioni: -Presidente del Comitato nazionale: Roberta Vincini -Incaricato nazionale all’Organizzazione: Paolo Peris -Incaricata nazionale alla Branca L/C: Enrica Roccotiello -Incaricato nazionale alla Branca L/C: Stefano Venturini -Membri del Collegio giudicante: Simone Marzeddu, Giuseppe Mitolo, Pietro Vecchio -Commissione economica: Angela Pirondi


Tra i 250 capi presenti abbiamo l'onore di aver come inviata per la Lombardia la nostra capogruppo Maria.







Vincenzo Pipitone, redazione Proposta Educativa Foto e video di Andrea Pellegrini


#CG2021, giorno 2

La seconda giornata di Consiglio generale inizia con la preghiera del mattino che ci proietta subito sul tema forte della giornata: l’educazione e le sue prospettive. Siamo capaci di accompagnare chi ci è affidato a qualcosa o a qualcuno che non siamo noi? Capire che cosa cercano? Porre le condizioni perché i ragazzi facciano la loro esperienza? Dopo un lungo e proficuo confronto di mesi è giunto il momento di dare forma ai tanti pensieri condivisi sul futuro dell’educazione per la nostra Associazione. Sorretti dai 3 pilastri del ieri, dell’oggi e del domani si lavora per piccoli gruppi per alimentare i 10 temi prioritari individuati. Utilizzando il metodo della scrittura collettiva della scuola di Barbiana vengono elaborati i contributi in vista del documento finale. Il futuro educativo e sostenibile aspetta di essere scritto! La giornata ha visto anche le relazioni della Fiordaliso, Commissione economica, Collegio giudicante nazionale ed Ente Mario di Carpegna e la presentazione degli esiti di mandato, le deliberazioni su area metodo, vita cristiana, branche e settori e Formazione capi, tema che ha visto i consiglieri impegnati in un vivace confronto. La giornata si conclude con la veglia che ci accompagna in una riflessione sul nostro essere capo. Il clan “La fenice” del gruppo Gubbio 2 con racconti dal Vangelo ci porta a camminare tra le scelte del Patto associativo.






Anica Casetta, redattrice di Proposta educativa Foto e video di Andrea Pellegrini


#CG2021, giorno 3

Otto pagine di riflessioni per un’azione educativa significativa, e un’unica grande sfida: esserci nelle criticità dell’oggi. Il terzo giorno del Consiglio generale ha visto l’approvazione del documento “La sfida di educare, oggi. Crescere in un mondo sostenibile, giusto, solidale, aperto alla speranza”, che completa il lavoro di rilettura e attualizzazione delle scelte del Patto associativo cominciato tre anni fa. Un testo scaturito da un percorso di scrittura collettiva (che ha dalla sua – per linguaggio e chiarezza – la potenzialità di poter essere fruito da tutti), e che chiede allo scautismo AGESCI di perseverare nella chiamata all’educazione. Di fidarsi delle radici – tanti gli strumenti e le intuizioni buone che già abbiamo a disposizione – e di guardare avanti con fiducia, sentendosi pronti a procedere “con coraggio, spirito di avventura e di adattamento, consapevoli dell’importanza di mettersi in gioco”. Perché se il nostro tempo ci mette di fronte alla complessità, sappiamo che “la Promessa e la Legge sono le bussole che orientano i nostri passi di servizio verso i più piccoli, i più deboli, gli ultimi”. A Frascati i lavori sono stati caratterizzati da un confronto serrato e proficuo fra consiglieri generali e Comitato nazionale. Fra mozioni e delibere sono stati accordati, fra gli altri, il via libera al percorso di rilancio del settore Giustizia, pace e non violenza e lo “studio di fattibilità” di una route delle Comunità capi. Intenso infine il saluto dei capi a termine di mandato, fra cui Barbara Battilana, Presidente del Comitato nazionale: speranza, impegno, fiducia, collaborazione e grazie le parole che più sono risuonate nei saluti. “Promuoviamo la cura, la capacità di invertire la rotta e la volontà di esserci, insieme agli altri”, ha chiuso la Capo Guida Daniela Ferrara. Un mandato per quasi 300 di Frascati e per i 33 mila capi di tutta Italia. Buona Strada!





Laura Bellomi, caporedattrice Proposta educativa Foto e video di Andrea Pellegrini


Tratto da www.agesci.it